16 novembre

2015

 

 

 

 

Ma lui a quel tempo il futuro lo vedeva diviso in due,
perché pensava che la storia fosse divisa in due,
idiota, non sapeva che la storia la facciamo noi,
ce la costruiamo con le nostre mani, è una nostra invenzione,
e ne potremmo fare un'altra, se solo volessimo,
se solo non ci lasciassimo convincere dalla storia che lei è o così o cosà,
se solo avessimo la forza di dirle, signora storia,
lei non è niente, non faccia tanto l'arrogante,
lei è solo una mia ipotesi, e se non le spiace ora la invento come preferisco.
Ma per dire questo bisogna essere vecchi, e inutili,
quasi cadaveri come sono io,
quando hai capito che lei era un'illusione,
un fantasma, ormai non puoi più farla, è già stata fatta.
La storia è come l'amore, è una musica, e tu sei il musicista,
e mentre la suoni sei di un'abilità enorme,
un interprete che soffia a pieni polmoni nella sua trombetta
o sfrega con rapimento il suo archetto sulle corde... magnifico, un'esecuzione perfetta, applausi.
Ma non conosci lo spartito.
Questo lo capisci dopo, molto più tardi,
ma ormai la musica è svanita...
Antonio Tabucchi
“ Tristano muore. Una vita”
 
 
homepage

indietro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

racconti di sarakr
I cerchi nell'acqua...
i mesi narrati
Raccolta di lunedì 2015
Raccolta di lunedì 2014
Raccolta di lunedì 2013
Raccolta di lunedì 2012
Raccolta di lunedì 2011
Raccolta di lunedì 2010
Raccolta di lunedì 2009
Raccolta di lunedì 2008
Raccolta di lunedì 2007
Raccolta di lunedì 2006
Raccolta di lunedì 2005
Raccolta di lunedì 2004
Raccolta di lunedì 2001-2003

 

Spigolature di sarakr
chi sono io
Ho incontrato....
i miei preferiti
Saria su ICQ