lunedi

23 maggio 2016

 

 

 

e per la barca che è volata in cielo

che i bimbi ancora stavano a giocare

che gli avrei regalato il mare intero

pur di vedermeli arrivare

 

per il poeta che non può cantare

per l'operaio che ha perso il suo lavoro

per chi ha vent'anni e se ne sta a morire

in un deserto come in un porcile

e per tutti i ragazzi e le ragazze

che difendono un libro, un libro vero

così belli a gridare nelle piazze

perché stanno uccidendo il pensiero

 

per il bastardo che sta sempre al sole

per il vigliacco che nasconde il cuore

per la nostra memoria gettata al vento

da questi signori del dolore

 

che questa maledetta notte

dovrà pur finire

perché la riempiremo noi da qui

di musica e di parole

 

in questo disperato sogno

tra il silenzio e il tuono

difendi questa umanità

anche restasse un solo uomo

 

perché le idee sono come farfalle

che non puoi togliergli le ali

perché le idee sono come le stelle

che non le spengono i temporali

perché le idee sono voci di madre

che credevano di avere perso

e sono come il sorriso di dio

in questo sputo di universo

 

continua a scrivere la vita

tra il silenzio e il tuono

difendi questa umanità

che è così vera in ogni uomo

 

in questo disperato sogno

tra il silenzio e il tuono

difendi questa umanità

anche restasse un solo uomo

 

chiamami ancora amore

chiamami sempre amore

perché noi siamo amore

 

 Claudio Guidetti, Roberto Vecchioni

 

homepage

indietro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

racconti di sarakr
I cerchi nell'acqua...
i mesi narrati
Raccolta di lunedì 2016
Raccolta di lunedì 2015
Raccolta di lunedì 2014
Raccolta di lunedì 2013
Raccolta di lunedì 2012
Raccolta di lunedì 2011
Raccolta di lunedì 2010
Raccolta di lunedì 2009
Raccolta di lunedì 2008
Raccolta di lunedì 2007
Raccolta di lunedì 2006
Raccolta di lunedì 2005
Raccolta di lunedì 2004
Raccolta di lunedì 2001-2003

 

Spigolature di sarakr
chi sono io
Ho incontrato....
i miei preferiti
Saria su ICQ