Non morirò dopo una vita non vissuta
Non vivrò nella paura
di cadere o di bruciarmi
Scelgo di abitare i miei giorni,
di permettere all’esistenza di aprirmi,
di svegliarmi meno spaventata, più sensibile,
di slegare il mio cuore
affinché diventi un ala, 
un tocco, una promessa.
Scelgo di rischiare la mia importanza,
per vivere
così che quanto arriva a me
come seme
giunga al prossimo come fiore
e quanto arriva a me come fiore
si tramandi come frutto.
“Dawna Markova”

 

lunedì

07 settembre

2009

 

 

indietro