Dove sei.......

 

Ho fatto fatica ad afferrare per le spalle i pensieri, mentre correvano guardando dritto in avanti.
Ho dovuto respirare a fondo per proiettare il mio sguardo fino al cuore.
Lui fingeva di non vedermi, e farfugliava strane frasi per
confondermi...così gli ho urlato:
" Ma tu non dovresti possedere la verità dei miei sentimenti?"
E lui, sollevando lievemente lo sguardo, mi ha risposto:

"Io sono solo un muscolo. Ti permetto di vivere... ma è la nostra mente a custodire i ricordi passati e le verità più nascoste...a farmi accelerare o meno al loro passaggio, cosicché tu possa capire se sono importanti o no".
Così decisi di parlare alla mente "Il cuore mi ha detto del gravoso equivoco...e dice che sei tu a sapere la verità dei miei sentimenti".
Ma la mente mi rispose:
" Io registro ciò che ti accade, lo elaboro, talvolta lo rimuovo... ma quando tu e la tua anima decidete di farlo. E' all'anima
che devi parlare".
Iniziai, con grande fatica, la ricerca dell'anima. Qualcuno diceva di non averne mai sentito parlare...
qualcun'altro affermava che fosse una costruzione della mente, retta con la complicità del cuore.
Altri ancora giuravano di averla vista passeggiare lungo le valli in inverno, quando il sole ha fretta di baciare le montagne e addormentarsi tra loro,o in riva al mare, nelle calde giornate di estate, quando le onde e la sabbia danzano un valzer lento, o , ancora, in primavera, seduta su una panchina, sotto gli alberi di pesco, assorta a guardare il cielo.
"E' autunno" pensai " Dove potrà essere?
 
Corsi nel giardino di fronte casa mia, mi guardai intorno e scorsi in lontananza la sua immagine sdraiata sul giallo tappeto delle foglie di fico.
La raggiunsi in fretta, mi chinai al suo fianco e con voce affannata le gridai:
Anima, ho bisogno del tuo aiuto".
Non urlare" rispose, " Io so ascoltarti anche se rimani in silenzio".

""Ma ho bisogno di chiederti la verità dei miei sentimenti.”

Il cuore mi ha parlato della mente e la mente di te".  

  Ti ho aspettata a lungo, dove sei stata?".
" Vivevo  miei giorni.
" Ma non puoi comprendere il significato dei giorni che vivi se non rimani al mio fianco"
" Infatti non comprendo se ho fatto la scelta giusta"
" Chiudi gli occhi... cosa  vedi?"
" Il suo sorriso"
" Fai un gran respiro... cosa annusi?"
" Il suo profumo"
" Toccati le labbra... cosa senti?"
" La sua bocca"
" Chinati sulle ginocchia e  appoggia la testa sulle gambe. Cosa provi?"
" La sua mancanza"
"Adesso dammi la mano e aspettiamolo insieme … tra poco sarà qui."
 

 indietro