Il pane e le rose
 
Mentre avanziamo marciando, marciando, 

innumerevoli donne morte gridano nel nostro canto 

la loro antica richiesta di pane.       

I loro spiriti sfiniti dal lavoro conobbero ben poco 

l'arte, l'amore, la bellezza;       

Sì è per il pane che lottiamo ... ma anche per le rose       

Mentre avanziamo marciando,

 marciando portiamo giorni migliori.                  

La rivolta delle donne è la rivolta della razza. 

Non più schiavo e ozioso, 

non più dieci che faticano e uno che riposa,

ma la divisione delle grazie della vita:
 PANE e ROSE!  PANE e ROSE! 

Mentre avanziamo marciando,

 marciando nello splendore del giorno,                 

un milione di cucine affumicate, 

un migliaio di grigi solai dove si lavora 

sono colpiti dalla luce che un sole improvviso rivela    

perché la gente si mette a cantare:     
 PANE e ROSE!  PANE e ROSE!

Mentre avanziamo marciando, 

marciando   lottiamo anche per gli Uomini, 

perché sono figli delle donne; 

grazie a noi nascono di nuovo.                        

Nella nuova vita ci sarà dolcezza
dalla nascita sino  alla fine;                          
 le anime come i corpi, possono morire di fame:     
Dateci PANE ma dateci anche  ROSE                                     
(canzone anonima nata nel corso di una lotta delle  operaie tessili a Lawrence nel Massachusetts nel 1912)                                      

                                              

                                                                                             

 

  homepage  

gennaio maggio ottobre
febbraio giugno novembre
marzo agosto dicembre
aprile settembre