26 novembre 2018


 

 

 

 

 

 

 

 

 

Addio, addio piccolo signore, che mi hai insegnato la vita. . .

Avevi ragione tu: non siamo morti.

 Non Ŕ possibile morire vicino a te.

Adesso sono io che vado lontano.

 E non sarÓ vicino a te che morir˛.

 Addio, mio piccolo signore, che sognavi i treni

 e sapevi dov'era l'infinito.

Tutto quel che c'era io l' ho visto, guardando te.

 E sono stata ovunque stando con te.

E' una cosa che non riuscir˛ mai a spiegare a nessuno,

ma Ŕ cosý.

 Me lo porter˛ dietro e sarÓ il mio segreto pi¨ bello.

Addio, non pensarmi mai, se non ridendo.

 Addio. 

Baricco

homepage

 

racconti di sarakr
I cerchi nell'acqua...
i mesi narrati
Raccolta di lunedý 2018
Raccolta di lunedý 2017
Raccolta di lunedý 2016
Raccolta di lunedý 2015
Raccolta di lunedý 2014
Raccolta di lunedý 2013
Raccolta di lunedý 2012
Raccolta di lunedý 2011
Raccolta di lunedý 2010
Raccolta di lunedý 2009
Raccolta di lunedý 2008
Raccolta di lunedý 2007
Raccolta di lunedý 2006
Raccolta di lunedý 2005
Raccolta di lunedý 2004
Spigolature di sarakr
chi sono io
Ho incontrato....
i miei preferiti
Saria su ICQ